lo studio ha sede in via XI FEBBRAIO, 63 PESARO (PU) | Tel. 349.6347184

PSICOLOGIA, GRAVIDANZA E COPPIA: QUALI CAMBIAMENTI?

Con la nascita di un figlio, la coppia entra in una fase psicologica successiva del proprio ciclo vitale e diviene un sistema permanente, infatti, mentre i coniugi hanno l'opportunità di decidere di separarsi e quindi interrompere il rapporto di coppia, non possono però smettere di essere genitori. La trasformazione della
coppia in una famiglia, affinché ci sia una reale crescita psicologica degli individui coinvolti, comporta dei cambiamenti. I coniugi aprono il loro spazio personale per includervi un terzo membro, il bambino. Ciò garantisce una rielaborazione della vita a due, capace di integrare ruolo coniugale e genitoriale.

Questo complesso passaggio psichico avviene gradualmente e non senza andare incontro a più di una difficoltà. In principio la coppia è completamente assorbita dal nuovo arrivato, piccolo e tenero bambino ma a volte incomprensibile. Tutti gli sforzi sono rivolti a trovare le giuste risposte al pianto e ai bisogni del neonato, il resto scompare: il marito/moglie, gli amici e anche se stessi. E' la fase della simbiosi madre-bambino in cui lo spazio coniugale è scarso o inesistente, a parte qualche breve scambio verbale e emozionale. La moglie, allora, si sentirà esausta, a volte insicura e fragile mentre il marito sarà carico di responsabilità ma anche impacciato e un po' trascurato. La fatica fisica e psichica è elevata per entrambi e può mettere a dura prova i coniugi ma è ineliminabile e necessaria a superare la prima fase per diventare genitori.

A poco a poco, madre e padre, imparano a essere sempre più efficaci e di conseguenza più sicuri di sé e fiduciosi delle proprie capacità e si sentono finalmente genitori a tutti gli effetti. Le tensioni si allentano e una piccola parte delle energie può essere nuovamente investita su se stessi e sulla coppia. Ritrovarsi e ritrovare la relazione con il proprio partner non è un passo semplice ne scontato, occorre impegno e interesse ma è uno sforzo che ricompensa con un maggiore benessere individuale, coniugale e famigliare. 

E allora come fare? Il primo passo è scegliere obiettivi piccoli e realizzabili, adatti alle persone coinvolte (quello che si fa deve essere un piacere per entrambi!). Un esempio potrebbe essere trovare uno spazio quotidiano per parlare di emozioni e riflessioni o per fare una passeggiata o per dedicare piccole attenzioni al coniuge allo scopo di riconquistare progressivamente l'intimità perduta. Dedicarsi al benessere della famiglia significa non trascurare se stessi e il proprio rapporto di coppia cercando quotidianamente l'armonia tra tutte queste parti. Buon lavoro!


  Dott.ssa Katjuscia Manganiello | Psicologa Psicoterapeuta
 Tel. 349 6347184
Studio di Psicologia e Psicoterapia | via XI febbraio, 63 - 61121 Pesaro (PU)
e-mail katja.manga@libero.it
  Autore